Accessibilità

Il Caregiver, questo sconosciuto

Il Caregiver, questo sconosciuto
Màt, la Settimana della Salute Mentale: le iniziative a Maranello

Màt, la Settimana della Salute Mentale, è la manifestazione promossa dal Dipartimento di salute mentale e dipendenze patologiche dell’AUSL di Modena: dal 16 al 23 ottobre sono in programma dibattiti, conferenze, eventi artistici e culturali aperti a tutta la cittadinanza, a Modena e provincia, per sensibilizzare sui temi della salute mentale e combattere il pregiudizio che grava su chi soffre di disagio psichico. Maranello ospita all'Auditorium Enzo Ferrari due eventi: un incontro dedicato alla figura del "caregiver" (mercoledì 20 ottobre) e la mostra “Lock-House: usciamo da queste mura” (dal 16 al 23 ottobre). Info e programma completo su http://www.matmodena.it/

Mercoledì 20 ottobre 9.00/13.00
Auditorium Enzo Ferrari, Via Nazionale 78
Evento accreditato
Il Caregiver, questo sconosciuto
A cura di Centro Salute Mentale Sassuolo, Unione Comuni Distretto Ceramico, Social Point Progetto di Inclusione Sociale del DSMDP di Modena, Associazione In-Contromano
Il seminario vuole porre l’attenzione sulla figura del caregiver “colui che si prende cura” e si riferisce a tutti i famigliari, amici, persone che assistono e sostengono le persone con varie fragilità. Spesso chi assiste si trova di fronte a situazioni complesse, totalizzanti e a sua volta può fare fatica a riconoscere quali siano i propri bisogni e necessità. A volte scarseggiano le possibilità di ottenere adeguate informazioni e reperire i sostegni necessari. Gli impegni assistenziali possono essere gravosi e importanti anche per tempi lunghi. L’emergenza sanitaria ha inoltre aggravato la situazione: da alcuni dati si evidenzia che il 61,7% dei caregiver si è sentito sopraffatto dalle ripercussioni della pandemia e solo la metà ha potuto prendersi cura della propria salute e benessere. In particolare, questo aumento delle necessità di sostegno emotivo, coordinamento, supporto dell’assistenza, aiuto con i trasporti, pare essere ricaduto principalmente su caregiver femminili. Inoltre, verranno discusse le esperienze connesse al territorio.
Nel corso del seminario è previsto un approfondimento su varie tematiche tra cui:
Prendersi cura: quali impatti sul benessere psico-fisico dei caregiver giovani e adulti
la sessione introdurrà la definizione di caregiver familiare e illustrerà, anche tramite l’uso di video-testimonianze, le conseguenze che il prendersi cura può avere sul benessere fisico e psicologico dei caregiver giovani e adulti. Saranno poi illustrate alcune strategie per mitigare gli impatti negativi del prendersi cura.
Relatrici: Licia Boccaletti, Alessandra Manattini
Gli impatti del Covid sui Caregivers informali
Intervengono operatori professionisti IRCCS-INRCA – Istituto Nazionale di Ricovero e Cura per Anziani di Ancona, in merito allo studio europeo da loro condotto sull’argomento.
L’esperienza distrettuale: obiettivi e azioni del programma distrettuale Caregiver
Interverranno interlocutori del Tavolo distrettuale caregiver (Servizi Socio Sanitari, Associazioni e Cooperative Sociali) che stanno conducendo le varie azioni previste dal programma: progetti “Accanto a me” e “Strada Facendo”, azioni di promozione culturale, informazione, formazione, mutuo auto aiuto, in particolare il questionario “Prendersi cura” e la web serie “Il caregiver: questo sconosciuto”.
Esposizione di “Storie di Caregiver”
Un’installazione artistica con narrazioni e spunti di riflessione elaborate nel Tavolo Caregiver. Intervengono rappresentanti dell’Associazione di familiari In-Contromano e Social Point
Uno sguardo sul caregiver femminile e giovani caregiver nella salute mentale
Intervengono Benedetta Montorsi, Chiara Richeldi

Dal 16 al 23 ottobre
Auditorium Enzo Ferrari, Via Nazionale 78
Lock-House: usciamo da queste mura - la mostra
A cura di Centro Salute Mentale Sassuolo, Casa Corsini, Social Point Progetto di Inclusione Sociale del DSMDP di Modena, Associazione In-Contromano Onlus, Associazione Lumen
Il progetto Lock-House nasce dalla collaborazione tra Associazione Lumen, Social Point Modena ed In-contromano Onlus per raccontare e condividere la propria idea di “abitare” durante il periodo del lockdown. Attraverso una serie di incontri, realizzati presso Casa Corsini a Fiorano Modenese, i partecipanti hanno provato a riflettere, progettare e costruire la loro singola esperienza. Utilizzando carta, spago, legno e tanti altri materiali ognuno ha dato forma ad una casa capace di mostrare vissuti, stati d’animo e sensazioni legati a questo momento così particolare. La mostra intreccia le opere realizzate dai partecipanti negli scorsi mesi con elementi surreali, tessuti, suoni e immagini. Tramite la mostra si porteranno i visitatori a riflettere su tematiche quali: il senso di smarrimento connesso alla sospensione del tempo, della mobilità e dei contatti umani e sociali esterni alla propria abitazione vissuto durante il periodo del Lock Down, il silenzio e la solitudine, spazi vuoti nei quali si sono moltiplicati il disagio esistenziale, l’insicurezza e la paura, il rapporto tra individuo e comunità e quello tra salute e lavoro, l’importanza dei percorsi d’inclusione sociale, dei contesti aggregativi, riabilitativi di sostegno all’abitare e alla socialità.

Riferimenti e allegati

archiviato sotto:

Quando: 20 ottobre 2021

Orari: 09:00

Dove: Auditorium Enzo Ferrari

« ottobre 2021 »
month-10
lu ma me gi ve sa do
27 28 29 30 1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
Eventi recenti
23.10.2021 Cultura, sport e tempo libero, Giovani e adolescenti
Spazio Culturale Madonna del Corso

Trasformazioni

26.10.2021 Voto, partecipazione e pari opportunità
Sala Polivalente Scaramelli

Consiglio Comunale del 26 ottobre

26.10.2021 Cultura, sport e tempo libero

Dante. Il metodo per un cammino umano

29.10.2021 Cultura, sport e tempo libero

Rally Città di Modena

23.11.2021 Cultura, sport e tempo libero
Biblioteca Mabic

Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde

Vedi tutti gli eventi