Accessibilità

Gestione del verde, alcuni consigli utili

Gestione del verde, alcuni consigli utili
Attenzione alla formazione di nidi larvali sui rami dei pini

Progetto gestione fitosanitaria verde ornamentale e tutela delle api

Attenzione ai nidi di Processionaria del Pino: vanno asportati al più presto
Alcuni consigli per eliminare i bruchi evitando lo spiacevole contatto con i peli urticanti

Nicoletta Vai del Servizio Fitosanitario della Regione Emilia-Romagna e Roberto Ferrari di C.A.A. «G. Nicoli» forniscono alcuni consigli per eliminare i bruchi evitando lo spiacevole contatto con i peli urticanti.

L’inverno è la stagione nella quale può capitare di vedere, all’estremità dei rami dei pini, i caratteristici “nidi” invernali della Processionaria del pino (Traumatocampa pityocampa), riconoscibili per il colore biancastro, e per il diametro di circa 10 – 20 centimetri.
La Processionaria del pino è una farfalla notturna che deve il suo nome alle “processioni” che le larve (o bruchi), compiono quando si spostano tutte insieme in fila indiana sul terreno o lungo il tronco delle piante infestate.
I giovani bruchi compaiono in tarda estate e attaccano soprattutto le piante situate in aree soleggiate nutrendosi a spese degli aghi delle Conifere. Le infestazioni possono causare defogliazioni evidenti, specialmente alla fine dell’inverno, quando le larve riprendono ad alimentarsi dopo un periodo di pausa.
Possono essere attaccate tutte le specie di Pino e varie specie di Cedro: particolarmente colpiti il Pino nero o austriaco, il Pino silvestre e il Pino marittimo. Le infestazioni di processionaria interessano soprattutto le piante poste in aree soleggiate In primavera le larve si spostano, sempre in processione, fino al suolo, dove s’interrano per trasformarsi prima in crisalide e poi in farfalla nell’estate successiva. L’insetto compie, di norma, una sola generazione all’anno.
A volte però la permanenza nel terreno può protrarsi per alcuni anni. Le larve svernanti sono molto pericolose, in quanto provviste di microscopici peli urticanti. Questi peli, che contengono sostanze proteiche liberatrici di istamina (e quindi ad azione fortemente irritante nei confronti dell’uomo), vengono facilmente dispersi nell’ambiente e possono provocare gravi infiammazioni cutanee, oculari, alle mucose e alle vie respiratorie delle persone che vengano involontariamente a contatto con essi.
Per questo motivo è buona norma, specialmente nel periodo compreso tra l’autunno e l’inizio della primavera, non toccare i nidi invernali oppure le larve mature, né trattenersi sotto alle piante infestate o nelle loro vicinanze.
Tra i metodi di lotta consigliati è fondamentale effettuare, entro la fine di febbraio, la raccolta e la distruzione dei nidi larvali. Tale operazione va compiuta adottando la massima cautela per evitare ogni contatto con i peli urticanti delle larve: è quindi importante dotarsi di abbigliamento protettivo adeguato, ed è consigliabile maneggiare i nidi indirettamente (mai toccarli a mani nude!). I nidi raccolti andranno successivamente bruciati per neutralizzare completamente l’effetto urticante dei peli delle larve.
Queste operazioni sono a carico dei proprietari delle piante infestate. Sono sconsigliati trattamenti insetticidi nei confronti delle larve che abbandonano il nido e scendono al suolo per interrarsi. Questi trattamenti, dannosi per l’ambiente, non impedirebbero infatti la dispersione dei peli urticanti e quindi il possibile danno alle persone.

Per ulteriori informazioni consultare il sito del Servizio Fitosanitario Regionale e/o contattare i tecnici del C.A.A. “Giorgio Nicoli” S.r.l. (051/6802227) .
La lotta alla processionaria è obbligatoria ai sensi di legge qualora l'insetto rappresenti una minaccia per la salute delle persone e degli animali ed è regolamentata dal D.M. 30 ottobre 2007.
Ad inizio estate, possono essere installate trappole a feromoni sessuali per la cattura dei maschi adulti. In parchi e giardini pubblici si consigliano 6-8 trappole/ettaro, distanti tra loro 40-50 metri e posizionate nei punti più soleggiati. Nelle pinete vanno collocate ogni 100 metri lungo il perimetro e le strade di accesso. Le trappole vanno fissate ad un ramo in posizione medio-alta e sul lato sud-ovest delle piante.

Data di pubblicazione: 29 gennaio 2018

Avvisi recenti
23.02.2018

Allerta meteo per il 24 febbraio

Previste precipitazioni, neve in collina

22.02.2018

Edilizia, servizio online per le istanze

E' attiva la la piattaforma regionale SIEDER

21.02.2018

Sconto in farmacia per gli over 65

Su integratori alimentari, prodotti erboristici e omeopatici

20.02.2018

Corsi di italiano per stranieri

A cura della Caritas Parrocchiale, dal 7 marzo

19.02.2018

Il Comune investe sul personale

Procedure di selezione per sei assunzioni in servizi diversi

08.02.2018

Corso di primo soccorso

A cura di AVAP Maranello, dal 22 febbraio

Vedi tutti gli avvisi