Accessibilità

Mensa scolastica

Il servizio di mensa scolastica è fornito ai bambini che frequentano le scuole del territorio. Per accedere al servizio devi presentare domanda. Il consumo del pasto è subordinato alla sua prenotazione giornaliera secondo le modalità attivate in ciascuna scuola.

Cos'è
Requisiti e dettagli

Il servizio di refezione scolastica è fornito alle bambine ed ai bambini frequentanti i servizi educativi e scolastici del territorio (Nidi, Scuole dell'Infanzia e Scuole Primarie).

L’Amministrazione Comunale riconosce nella Refezione Scolastica un servizio a forte valenza educativa attraverso il quale garantire non solo il soddisfacimento dei fabbisogni nutrizionali ma anche del bisogno di convivialità, di comunicazione interpersonale e di sviluppo di un rapporto positivo con il cibo.

Il servizio refezione scolastica funziona dal lunedì al venerdì, secondo il calendario scolastico, garantendo un pasto secondo le tabelle nutrizionali del menù di riferimento. I pasti sono consumati nei Nidi e nelle Scuole dell'Infanzia presso le sezioni di appartenenza, nelle scuole primarie presso i refettori. Il consumo del pasto è subordinato alla sua prenotazione giornaliera, secondo le modalità attivate in ciascun servizio e in ciascuna scuola. Per maggiori dettagli consultare la Carta del Servizio Refezione Scolastica.

Dal 26/08/2019 il servizio di refezione scolastica per il quinquennio 2019-2024 è stato affidato alla ditta Camst Soc.Coop. a.r.l., aggiudicataria per la Provincia di Modena della convenzione intercent-ER di ristorazione scolastica.

I Centri Produzione Pasti sono:

- Pomodoro, sito a Maranello in V. Boito n.21 , che produce produce pasti per i nidi “Aquilone”, “Virgilia”, “Coccinelle”, le scuole d’Infanzia “Agazzi” e “Cassiani” e la scuola primaria “C.Stradi”;

- Melograno, sito a Pozza in V. Vandelli n.201 che produce per le scuole d’infanzia “J. da Gorzano” e “E. Obici” e la scuola primaria “G. Rodari”.

I pasti trasportati vengono consegnati ai terminali attrezzati presenti in ogni plesso dove vengono porzionati e distribuiti dal personale incaricato.

La preparazione dei pasti si attiene a quanto previsto dalla vigente legislazione  comunitaria, nazionale, regionale. La ditta aggiudicataria si attiene ai vigenti Regolamenti comunitari relativi alla rintracciabilità di filiera nelle aziende agro-alimentari e alle norme emanate in materia di  tracciabilità e rintracciabilità di prodotto. La Ditta dispone di un sistema efficiente di gestione dei flussi materiali e delle fasi di produzione, che consente di risalire alla storia, all’utilizzazione, all’ubicazione e alla distribuzione dei prodotti forniti, mediante identificazioni documentate, verificabili al  momento del controllo. La Ditta garantisce pertanto l’igiene e la qualità del prodotto, applicando le opportune procedure di sicurezza igienica avvalendosi dei principi dell'H.A.C.C.P. (Analisi dei Pericoli e Punti Critici di Controllo).

I Menù dei due Centri sono identici e sono realizzati sulla base di tabelle dietetiche commisurate al fabbisogno calorico delle diverse fasce di età in conformità a quanto disposto dalle Linee Guida nazionali e regionali e approvati dal Servizio Igiene e Nutrizione dell'Azienda USL territoriale. I menù si articolano su 6 settimane, sono distinti per fasce di età (Nidi, Infanzia e Primaria) e si differenziano in menù autunno/inverno, primavera/estate e menù dei centri estivi. Ad ogni menù stagionale è abbinato un menù integrativo che prevede una proposta alimentare da seguire anche a casa per colazione, merenda del mattino, merenda del pomeriggio e cena.

Sono garantite Diete Speciali:

- per allergie e intolleranze alimentari;

- per motivazioni etiche o religiose familiari

per le quali occorre compilare apposita richiesta che nel caso di diete per allergie o intolleranze viene corredata del certificato del pediatra, mentre nel caso di motivazioni etiche e religiose viene sottoscritta da entrambi i genitori. Inoltre è possibile richiedere il pasto in bianco per lievi e passeggeri disturbi gastrointestinali, su richiesta dei genitori, senza necessità di certificazione medica. Per attivare il pasto in bianco occorre presentare apposito modulo direttamente alla scuola all'atto della prenotazione del pasto del giorno. Le diete speciali in essere, se nel certificato medico non riportano una scadenza, sono rinnovate d'ufficio di anno in anno e trasferite anche nei livelli scolastici successivi.

Alcuni aspetti salienti e qualitativi del servizio:

- impiego materie prime che concorrano alla promozione di comportamenti alimentari finalizzati alla prevenzione della salute e che rappresenta una scelta di tutela del territorio, sostenibilità ambientale, eticità del modo di produrre: Prodotti biologici, prodotti a lotta integrata, prodotti tipici, prodotti provenienti dal commercio equo e solidale, prodotti provenienti da produttori locali (nel raggio di 100 Km) o a km 0 e adesione al progetto “Campagna Amica”  che sostiene l'economia delle zone colpite dal terremoto nel 2012;

- utilizzo dell’acqua di rete proveniente dall’acquedotto pubblico, nell’ottica di politiche di sostenibilità ambientali, atte anche a favorire comportamenti individuali e collettivi responsabili, a partire dalla scuola;

- erogatori di acqua microfiltrata presso tutti i plessi;

- riduzione e recupero degli imballaggi e altri rifiuti derivanti dalle lavorazioni;

- raccolta differenziata;

- detergenti Ecolabel per la pulizia a ridotto impatto ambientale e privi di componenti allergizzanti e irritanti;

- installazione presso le cucine e i refettori di lampade a basso consumo e frangi-getto nei rubinetti  per evitare sprechi di energia elettrica e acqua;

- installazione di pannelli personalizzati fonoassorbenti presso le pareti dei refettori delle scuole primarie Rodari e Stradi;

- promozione interventi legati alla legalità con la "giornata della legalità", il 21 marzo di ogni anna, con utilizzo di  prodotti dell'associazione "Libera Terra";

- menù festivi in occasioni particolari (ad esempio: natale , carnevale e festa del papà ;

- trasporto pasti mediante mezzo elettrico Renault kangoo ZE con emissione zero; -

 trasporto materie prime con mezzo a metano; 

- corredo da tavola durevole (piatti in ceramica, bicchieri di vetro e posateria in acciaio) per rendere più gradevole il consumo del pasto e per ridurre i rifiuti generati dallo smaltimento delle stoviglie monouso;

- tutti gli alimenti sono cucinati al mattino in tempi ravvicinati al consumo; -

- non si utilizzano fritture, alimenti precotti, spezie, additivi, conservanti o prepararti per brodo, grassi in cottura;

- i condimenti dei primi piatti e dei contorni prevedono olio extravergine di oliva a crudo;

- utilizzo di sale contenuto e in alternativa utilizzo di succo di limone, erbe aromatiche, brodo vegetale, aglio e cipolla appassiti nell’acqua;

- analisi microbiologiche mensili effettuate sull'acqua, sui piani di lavoro e su preparazioni a campione

- pubblicazione sul sito istituzionale delle analisi sui campioni di acqua di rete prelevati direttamente dai rubinetti interni alle scuole.

Al fine favorire la partecipazione e attivare forme di collaborazione e di coinvolgimento delle famiglie e per assicurare la massima trasparenza nella gestione del servizio di refezione scolastica, è istituita nei nidi d’infanzia, nelle scuole dell’infanzia e nelle scuole primarie, la Commissione Qualità del Servizio di Refezione Scolastica.
La Commissione Qualità consente ai genitori, al personale educatore e insegnante, attraverso i loro rappresentanti, di partecipare attivamente e di esercitare funzioni consultive, propositive e di verifica su tutti i temi che riguardano il servizio contribuendo al miglioramento continuo della qualità.

Il progetto di Comunità sui Sani Stili di Vita ha previsto l'inserimento nel Piano Triennale per l'Offerta Formativa di progetti di educazione alimentare rivolti alle scuole e gestiti anche in collaborazione con la grande distribuzione alimentare e il gestore della refezione scolastica. Tra i progetti viene proposta la realizzazione di orti presso le scuole primarie Stradi e Rodari che prevedono il coinvolgimento attivo delle classi affiancate da un esperto agronomo.

Nell’ambito del progetto Sprecozero, da febbraio 2017 sono state distribuite family bag, borsine lavabili e riutilizzabili, ai bambini delle scuole primarie per portare a casa frutta e pane non consumati in mensa.

Sempre nell’ambito di questo progetto, in collaborazione con Banco Alimentare, è partito il recupero di cibo ancora integro, non consumato, che viene prelevato giornalmente dalle mense delle primarie Stradi e Rodari per ridistribuirlo alla Fondazione Orione 80 Onlus, che da anni segue minori in difficoltà.

 

3-6 anni: mensa scolastica

6-11 anni: mensa scolastica

Tempi e costi
Costi a carico del cittadino / impresa
A.S. 2019/2020

Da settembre 2019 il sistema tariffario è stabilito come segue:
VALORE ISEE              Tariffa A.S.19/20

Da 0 a 5600                    Euro 1,43 a pasto
Da 5600,01 a 7000,00    Euro 3,41 a pasto
Da 7000,01 a 12000       Euro 4,57 pasto
da 12000,01 a 18000      Euro 4,81
Oltre 18000                    Euro 5 a pasto

 

I non residenti per l’A.S. 2019/2020 corrispondono Euro 6,62 a pasto.

 

Rette e agevolazioni

Responsabili e strumenti di tutela
Unità organizzativa responsabile istruttoria
Servizio Istruzione
Responsabile procedimento
Patrizia Tagliazucchi
Altre informazioni utili
Customer satisfaction
Altre informazioni

Con il progetto di comunità “Gioca bene la tua partita! Mangia sano, vivi bene e fai movimento” l’Amministrazione Comunale intende promuovere la diffusione di sani stili di vita e la loro salvaguardia attraverso scelte consapevoli e comportamenti adeguati.

Il presente Ricettario s’inserisce nella logica di questo progetto di comunità, per dare alle famiglie strumenti utili a fare scelte alimentari salutari e contiene le ricette stagionali dei menù proposti nella ristorazione scolastica.
Inoltre sono presenti ricette consigliate per completare in modo equilibrato i pasti consumati in famiglia. 
Un’alimentazione varia ed equilibrata, garantita dalla presenza di tre portate offre ai bambini sia il giusto equilibrio nutrizionale, indispensabile per la loro crescita, sia la possibilità di aprirsi a gusti differenti.

 

Le Commissioni Qualità del Servizio di Refezione Scolastica
A seguire un'estratto dalla disciplina per l'istituzione e il funzionamento delle commissioni qualità del servizio di refezione scolastica approvato con deliberazione di Giunta comunale nr. 104 del 23/08/2016.

L’Amministrazione Comunale riconosce nella Refezione Scolastica un servizio a forte valenza educativa attraverso il quale garantire non solo il soddisfacimento dei fabbisogni nutrizionali ma anche del bisogno di convivialità, di comunicazione interpersonale e di sviluppo di un rapporto positivo con il cibo.

Composizione della commissione qualità 

La Commissione Qualità del servizio di refezione scolastica è composta da rappresentanti dei genitori e dei docenti/educatori dei nidi d’infanzia, delle scuole dell’infanzia e delle scuole primarie in ragione di:
- Commissione Qualità Nidi d’Infanzia: un genitore per ogni sezione di ogni nido ed un educatore rappresentante di ogni Nido d’infanzia.
- Commissione Qualità Scuole dell’Infanzia: un genitore per ogni sezione di ogni scuola ed un insegnante per ognuna delle scuole d’infanzia.
- Commissione Qualità Scuole Primarie: un genitore per ogni classe oppure un genitore per ogni classe di età per ognuna delle due scuole primarie (uno per tutte le prime, uno per tutte le seconde, etc.) ed un insegnante preferibilmente di classe a tempo pieno per ognuna delle due scuole primarie.
Nel caso in cui in alcune sezioni/classi non sia possibile individuare alcun rappresentante fra i genitori si procede comunque alla nomina della Commissione con i restanti genitori.
Fanno parte della Commissione Qualità, il responsabile comunale del servizio di refezione scolastica e il responsabile gestione qualità del servizio istruzione e a seconda delle tematiche possono partecipare:
-uno o più rappresentanti della ditta che gestisce il servizio di refezione scolastica
- i cuochi capo struttura dei Centri Produzione Pasti
- esperti e formatori esterni per la trattazione di tematiche di particolare rilevanza
- rappresentanti dell’Ausl (Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione) per interventi previsti nel progetto di comunità sui sani stili di vita.
Nomina e durata dell’incarico
I rappresentanti dei genitori sono scelti tra i genitori di ciascun servizio educativo/scolastico su proposta dei genitori stessi, nell’ambito delle assemblee di sezione e di classe.
I referenti degli educatori e degli insegnanti sono designati rispettivamente dal gruppo di lavoro dei nidi d’infanzia e dal collegio docenti degli Istituti Comprensivi.
La Commissione Qualità viene nominata in ogni servizio educativo/scolastico all’inizio dell’anno scolastico con durata di due anni e decade con la fine dell’anno scolastico successivo a quello della nomina, tuttavia può rimanere in carica fino a quando non si provvede all’insediamento della nuova commissione ma non oltre il mese di dicembre dell’anno di scadenza.
I componenti della commissione possono essere riconfermati nell’incarico per la durata massima di tre anni consecutivi, ma nel caso in cui un rappresentante già eletto per anni tre esprima la volontà di proseguire l’esperienza e non vi siano altri nuovi candidati è consentita la rielezione.
Qualora nel corso dei due anni scolastici previsti per la commissione vengano a decadere dalle funzioni alcuni suoi componenti oppure in caso di dimissioni si potrà provvedere a nuove nomine nell’ambito dei limiti massimi di composizione.
Ai componenti nominati viene fornito apposito tesserino identificativo da esibire nel corso dei sopralluoghi. L’elenco dei membri della commissione è esposto nella bacheca di ogni servizio educativo-scolastico.
Funzioni delle commissioni qualità
-collegamento tra l’utenza e l’Amministrazione Comunale, soggetto titolare del servizio, facendosi carico di rappresentare le diverse istanze che provengono dalle famiglie e dal personale educatore e insegnante che svolge un ruolo fondamentale nella corretta erogazione del servizio;
verifica del rispetto degli standard quali-quantitativi esplicitati nella carta del servizio
-monitoraggio della gradibilità del pasto, del rispetto dei menù e della qualità del servizio e delle condizioni previste nel capitolato d’appalto;
-funzioni consultive nei riguardi dei servizi comunali preposti al funzionamento e all’organizzazione del servizio.
-funzioni propositive in ordine al funzionamento del servizio e al suo miglioramento
Modalità di intervento delle commissioni qualità
 I membri delle Commissioni Qualità svolgono le funzioni di cui sopra con le seguenti modalità:
-Partecipano agli incontri della commissione. Gli incontri plenari delle Commissioni Qualità di tutti i servizi si svolgono di norma tre volte l’anno e ogni qual volta se ne ravvisi la necessità su convocazione del servizio istruzione. All’ordine del giorno sono inseriti gli argomenti richiesti/proposti dalle commissioni oltre a quelli individuati dal servizio istruzione. Le commissioni qualità possono lavorare congiuntamente oppure per tipologia di servizio (commissioni nidi-commissioni infanzia-commissioni primaria) o per singolo servizio a seconda dei temi trattati e dei bisogni espressi.
-Svolgono funzione di portavoce e di referente (sia genitori che insegnanti/educatrici) per la commissione qualità del plesso di cui fanno parte.
-Svolgono sopralluoghi di verifica presso i centri produzione pasti, i refettori della scuola primaria e le sezioni delle scuole dell’infanzia e dei nidi d’infanzia e svolgono le loro attività di controllo della qualità nel rispetto delle condizioni stabilite, indicate di seguito:
- sia degustando il pasto presso i refettori ( o le sezioni, per quanto riguarda le scuole d’infanzia ed i nidi d’infanzia), sia effettuando i sopralluoghi presso i centri produzione pasti (Centro Produzione Pasti Melograno di Pozza per la scuola primaria Rodari, per le scuole d’infanzia Obici e J da Gorzano e per il nido d’infanzia Doremi di Gorzano; Centro Produzione Pasti Pomod’oro per la scuola primaria Stradi, per le scuole d’infanzia Cassiani e Agazzi e per i nidi d’infanzia Coccinelle, Virgilia e Aquilone);
- per il sopralluogo con assaggio dei piatti del giorno (senza sedersi a tavola con pasto completo, ma solo assaggiando le pietanze) presso i refettori e le sezioni di scuola dell’infanzia non è necessario avvisare preventivamente ma basta qualificarsi al personale addetto alla distribuzione presentando l’apposito tesserino;
- per i nidi d’infanzia si demanda alle educatrici e ai genitori l’individuazione delle modalità più corrette per effettuare il sopralluogo nel rispetto delle specificità di ogni sezione e delle età dei bambini;
- per il sopralluogo presso i centri produzione pasti nella fascia oraria consentita (dalle ore 8.00 alle ore 10.00) non è necessario avvisare, ma è consentito entrare ad una sola persona per volta, esibendo l’apposito tesserino e indossando il camice e la cuffia forniti dal personale del Centro Produzione Pasti;
- per degustare l’intero pasto del giorno assieme ai bambini occorre avvisare con almeno un giorno d’anticipo (o accordandosi con le insegnanti della propria classe/sezione o telefonando presso il servizio istruzione).
Durante i sopralluoghi, per ragioni di sicurezza e nel rispetto della normativa HACCP, i membri della Commissione Qualità devono attenersi alle seguenti disposizioni:
-nell’accedere ai centri produzione pasti, ai refettori, alle sezioni non devono in alcun modo intralciare lo svolgimento delle attività;
-non devono rivolgere osservazioni al personale addetto al servizio, né intervistare o rivolgere domande dirette ai bambini, limitandosi ad osservare la gradibilità e la corretta esecuzione del servizio;
-la visita al centro produzione pasti deve essere guidata dal/la cuoco/a capostruttura;
-durante le visite ai centri produzione pasti è obbligatorio indossare il camice e il copricapo contenente la capigliatura, forniti dalla ditta di ristorazione;
-i rappresentanti della Commissione Qualità non possono procedere in nessun caso al prelievo e asporto di sostanze alimentari né assaggiare direttamente il cibo che deve sempre essere consegnato dal personale incaricato della distribuzione;
-non devono usare i servizi igienici riservati al personale addetto alla produzione e/o alla distribuzione;
-non possono accedere ai locali dei produzione pasti in caso di tosse, raffreddore e malattie dell’apparato gastrointestinale;
-per ciascun sopralluogo effettuato occorre redigere verbale (la modulistica è consegnata dal personale presente). Copia di questa modulistica deve pervenire al servizio istruzione per il tramite della ditta di ristorazione per le opportune valutazioni ed interventi.                                                                                
Strumenti operativi delle commissioni qualità
Le Commissioni Qualità si avvalgono nell’esercizio delle loro funzioni degli strumenti di rilevazione, registrazione, verifica previsti dal sistema gestione qualità periodicamente aggiornati dal responsabile gestione qualità e dal responsabile del servizio di refezione scolastica anche sulla base delle valutazioni espresse in merito alla loro efficacia dai membri delle commissioni stesse.
Strumenti e modalità di comunicazione delle commissioni qualità
I verbali degli incontri di commissione vengono redatti dal servizio istruzione ed esposti negli spazi di comunicazione previsti nei servizi.
Le documentazioni relative a momenti di informazione–formazione su tematiche attinenti la refezione scolastica e/o l’educazione alimentare, vengono pubblicate sul sito istituzionale del Comune.
Le Commissioni potranno individuare ulteriori modalità di comunicazione per informare le e rendere partecipi le famiglie che utilizzano la refezione scolastica, sul lavoro svolto e su alcuni aspetti significativi del servizio.

Ufficio al quale rivolgersi

Scuola

Responsabile: Segretario Comunale

Orari

lunedì, martedì, mercoledì e venerdì 8.30-13.00
giovedì 8.30-13.30 e 14.30-18.30

Contatti

0536 240.042

 

Sede

Via Vittorio Veneto 9, 41053 Maranello (MO)