Accessibilità

Aree PEEP in diritto di superficie e di proprietà: riscatti

Se desideri convertire il diritto di superficie in piena proprietà o modificare i vincoli relativi alla vendita e locazione degli alloggi ceduti in proprietà devi versare al Comune un corrispettivo di riscatto parziale ed eventualmente sottoscrivere un'apposita convenzione. In questo caso, con la nuova convenzione, ti impegni a vendere e affittare l'immobile a prezzi determinati dal Comune. Alla scadenza della nuova convenzione, non esistono più vincoli di nessun tipo sulla proprietà della casa.

Cos'è
Requisiti e dettagli

Il procedimento di riscatto del diritto di superficie consiste nella trasformazione delle convenzioni stipulate ai sensi dell'art. 35 della Legge 865/1971, attraverso il pagamento di un corrispettivo. Il corrispettivo da versarsi si suddivide in :

  • Acquisizione della nuda proprietà ovvero versamento di un importo commisurato all'incidenza del valore dell'area ;
  • Eliminazione totale dei vincoli ovvero versamento di una percentuale dell'importo commisurato all'incidenza del valore dell'area.

Il procedimento di riscatto del diritto di proprietà consiste nella trasformazione delle convenzioni stipulate ai sensi dell'art. 35 della Legge 865/1971 attraverso il pagamento di una somma da corrispondere al comune in caso di alienazione o per la costituzione dei diritti reali di godimento.

Modalità di richiesta
Modulo da compilare e consegnare a sportello; Modulo da compilare e inviare con P.E.C.; Modulo da compilare e inviare con fax; Modulo da compilare e inviare con posta cartacea
Modalità di erogazione / Canali
Consegna documento a sportello; Invio documento con P.E.C.; Invio documento con fax; Invio documento con posta cartacea
Tempi e costi
Costi a carico del cittadino / impresa

Il costo per il riscatto del diritto di superficie è di € 57,00 quale diritti di segreteria a cui vanno aggiunti il corrispettivo determinato dall'ufficio e i costi per la registrazione e trascrizione della nuova convenzione in sostituzione di quella originaria.

Il costo per il riscatto del diritto di superficie è di € 57,00 quale diritti di segreteria a cui va aggiunto il corrispettivo determinato dall'ufficio.

Modalità di pagamento

Il pagamento dei Diritti di segreteria può essere effettuato in contanti direttamente presso la segreteria dell'Area tecnica, in alternativa in uno dei seguenti modi, indicando con chiarezza la causale del pagamento:

  • Tramite BONIFICO BANCARIO a favore di: Comune di Maranello-Tesoreria Comunale c/o Banco BMP S.p.A. – Filiali di Maranello - IBAN: IT61P0503466820000000012982;
  • Tramite CONTO CORRENTE POSTALE sul c/c n. 17343419 – Intestato a Comune di Maranello-Tesoreria Comunale c/o Banco San Geminiano e San Prospero - Gruppo Banca Popolare – Filiali di Maranello;
  • Tramite il PAGAMENTO ON LINE CON CARTA DI CREDITO, collegandosi al sito del Comune di Maranello, selezionando “pagamenti on line” all'interno dei “Servizi On Line” e seguendo le istruzioni di pagamento per le “Concessioni e Autorizzazioni Edilizie”;

Il pagamento del corrispettivo e dei costi per la registrazione e trascrizione della nuova convenzione in sostituzione di quella originaria, deve essere effettuato esclusivamente tramite bonifico bancario.

Scadenza / Periodicità / Frequenza

Il corrispettivo determinato dall'ufficio deve essere accettato entro 30 giorni dalla data di notifica dello stesso. 

Tempi del procedimento

Il corrispettivo viene determinato entro 30 giorni dalla data di presentazione al protocollo della richiesta. Il procedimento si conclude attraverso la stipula del nuovo atto convenzionale in sostituzione di quello originario oppure con il rilascio della determina di accertamento dell'incasso del corrispettivo c/o il Servizio Appalti e Contratti dell'Amministrazione Comunale.

Responsabili e strumenti di tutela
Unità organizzativa responsabile istruttoria
Servizio Ambiente e Patrimonio Pubblico
Referente principale da contattare
Marialuisa Campani
Soggetto a cui è attribuito il potere sostitutivo
Segretario Comunale
Strumenti di tutela

Strumenti di tutela giurisdizionale

Contro gli atti della pubblica amministrazione è sempre ammessa la tutela giurisdizionale dei diritti e degli interessi legittimi dinanzi agli organi di giurisdizione ordinaria o amministrativa (art. 113 Cost.)

L'organo competente per la tutela giurisdizionale per atti e/o provvedimenti ritenuti illegittimi sono il Tribunale Amministrativo Regionale della Regione Emilia Romagna (in primo grado) e il Consiglio di Stato (secondo grado).

 

Termini per presentare un ricorso per atti e/o provvedimenti amministrativi in generale:
60 giorni, a pena di decadenza, dalla notificazione dell'atto, dalla sua comunicazione o comunque conoscenza; in caso di termini diversi, gli stessi sono comunque specificati nell’atto medesimo.

 

Termini per presentare un ricorso contro il silenzio della pubblica amministrazione
L'azione può essere proposta trascorsi i termini per la conclusione del procedimento amministrativo, fintanto che l’Amministrazione continua ad essere inadempiente e, comunque, non oltre un anno dalla scadenza del termine di conclusione del procedimento amministrativo.

 

Termini per fare ricorso su richieste di accesso ai documenti amministrativi
L'azione può essere proposta entro 30 giorni dalla conoscenza della decisione impugnata o dalla formazione del silenzio-rifiuto, mediante notificazione al Comune e ad almeno un controinteressato.

 

Strumenti di tutela amministrativa

Ricorso in opposizione: avanti la stessa Autorità che ha emanato il provvedimento, entro 30 giorni; 
Ricorso gerarchico: avanti l’Autorità gerarchicamente superiore, entro 30 giorni; 
Ricorso straordinario al Capo dello Stato: entro 120 giorni dalla notificazione, comunicazione o conoscenza dell'atto impugnato ritenuto illegittimo (in alternativa al ricorso al T.A.R., Tribunale Amministrativo Regionale).

Altre informazioni utili
Normativa

Legge 23 dicembre 1998, n. 448 "Misure di finanza pubblica per la stabilizzazione e lo sviluppo" art. 31, co. 21-22

Delibera di Consiglio Comunale del 13 marzo 2014, n. 12 "ART. 31 CO. 45 E SEGUENTI DELLA LEGGE 23 DICEMBRE 1998, N. 448 E SSMMII- TRASFORMAZIONE O RIMOZIONE DEI VINCOLI CONVENZIONALI SU IMMOBILI IN AREE PEEP - LINEE DI INDIRIZZO PER LA DEFINIZIONE DELLA NUOVA DISCIPLINA DEI RISCATTI".

Delibera di Giunta Comunale del 20 maggio 2015, n. 75 "ART. 31 CO. 45 E SEGUENTI DELLA LEGGE 23 DICEMBRE 1998, N. 448 E SSMMII- TRASFORMAZIONE O RIMOZIONE DEI VINCOLI CONVENZIONALI SU IMMOBILI IN AREE PEEP -APPROVAZIONE CRITERI E SCHEMI".

Delibera di Consiglio Comunale del 7 ottobre 2014, n. 62 "IMMOBILI PEEP CONCESSI IN DIRITTO DI PROPRETA' SU AREE PEEP. DETERMINAZIONE DELLA SOMMA DA CORRISPONDERE AL COMUNE IN CASO DI ALIENAZIONE O COSTITUZIONE DI DIRITTI REALI DI GODIMENTO".

Delibera di Giunta Comunale del 10 dicembre 2015 n.126 "ELIMINAZIONE DEI VINCOLI RELATIVI ALLA DETERMINAZIONE DEL PREZZO DI VENDITA E DEL CANONE DI LOCAZIONE DELLE CONVENZIONI TRENTENNALI SU IMMOBILI PEEP CONCESSI IN DIRITTO DI PROPRIETÀ."

Ufficio al quale rivolgersi

Ambiente

Responsabile: Fabio Cervi

Contatti

Telefono: 0536 240070
Email: ambiente@comune.maranello.mo.it

Orari

Lunedì 8.30 - 13.00 (su appuntamento)
Mercoledì 8.30 - 13.00
Giovedì 14.30 - 18.30

Sede

Via Vittorio Veneto 9 , 41053 Maranello (MO)

Ambiente
Avvisi recenti
06.07.2020

Come accedere al contributo bike to work

Per l’acquisto di biciclette e monopattini: dal 10 al 20 luglio

06.05.2020

Contro le zanzare

Distribuzione gratuita ai cittadini di prodotto larvicida

05.05.2020

Tesserini venatori

Si possono ritirare su appuntamento

Vedi tutti gli avvisi